Calabria: alla scoperta della Costa degli Dei

dove andare in vacanza in calabria

Lasciarsi accarezzare dal sole e dal mare, perdersi nei boschi respirando l’aria più pulita d’Europa, ammirare le tradizioni degli antichi borghi: questa è la Calabria, una regione di straordinaria bellezza, tutta da scoprire, soprattutto con bambini al seguito. E se amate le acque cristalline, i tramonti rosati e le ampie spiagge di sabbia finissima, la Costa degli Dei è la meta perfetta! Detta anche Costa bella, racchiude l’arco litoraneo tirrenico della provincia di Vibo Valentia, 55 km di spiagge, intervallate da rocce frastagliate, pittoresche baie e borghi ricchi di storia.

Oggi ospitiamo sul blog Giovanni e Rosaria, di @stranger_trips, che da calabresi doc ci regalano la loro personale lista di località da non perdere sulla Costa degli Dei, tra le mete più gettonate in Calabria.

Guida all’organizzazione del vostro viaggio nella Costa degli Dei

Come raggiungerla?

L’aeroporto più vicino è quello di Lamezia Terme, da dove partono anche i treni per raggiungere i diversi borghi lungo la Costa, ma per godervi al meglio queste bellissime località, il mezzo consigliato è sicuramente l’auto. Solo cosi potrete ottimizzare la visita e visitare spiagge difficili da raggiungere con i mezzi pubblici.

Stagione consigliata e durata del viaggio

Ovviamente la stagione ideale è l’estate, ma vi consigliamo in particolar modo giugno o settembre: troverete un clima piacevole, ma soprattutto meno turisti. Così non dovrete lottare o alzarvi all’alba per assicurarvi un posto vicino al bagnasciuga. Per la durata, invece, riteniamo che una settimana sarebbe perfetta, ma anche 3 giorni potrebbero risultare sufficienti per godere dello spettacolo che questo litorale offre.

Dove dormire

Lungo la Costa degli Dei e in particolare nei centri più rinomati (Pizzo, Tropea, Capo Vaticano) sono presenti numerose tipologie di strutture per il soggiorno: hotel, resort, b&b. Tuttavia, nel caso viaggiate con bambini, vi consigliamo di optare per un appartamento. La cordialità della gente del luogo, la comodità di poter usufruire della cucina, la posizione e la possibilità di avere il parcheggio a disposizione, non vi faranno pentire della scelta! Per quanto riguarda i costi, ovviamente dipende dal periodo e da quanto prima prenotate: ad esempio, durante la nostra mini-vacanza di tre giorni a fine agosto, per un appartamento trovato tramite Airbnb a Tropea, abbiamo pagato 180€.

Cosa visitare in 3 giorni sulla Costa degli Dei, Calabria

Lungo la costa si incontrano, da Nord a Sud, numerosi centri ricchi di storia a picco sul mare: Pizzo Calabro, Zambrone, Parghelia, Tropea, Capo Vaticano. Alcune delle spiagge più belle sono raggiungibili solo a piedi o in barca e per questo meno adatte ad un viaggio con bambini, tuttavia ne esistono molte che sono perfette per una vacanza in famiglia. Ipotizzando un itinerario di 3 giorni ecco le nostre dritte sui borghi e spiagge più interessanti da visitare con bambini al seguito.

Pizzo

Uno dei borghi più pittoreschi della Costa: di origine medievale, sorge arroccato sul pendio di una rupe che si affaccia sul mare. Nella parte alta della città spiccano il Castello di Gioacchino Murat (costo biglietto 3€), costruito nel 1400 per volere di Ferdinando I d’Aragona non come residenza signorile ma come prigione e fortezza militare e la Piazza della Repubblica. Una sorta di belvedere sul mare dove ammirare il tramonto magari gustando il famoso ‘tartufo’. Il tartufo tradizionale (i vostri bimbi l’adoreranno!), primo gelato che ha ottenuto il marchio IGP in Europa, è alla nocciola o al cioccolato ricoperto di cacao in polvere. Attualmente però ne vengono realizzati di vari gusti: non perdete quello al pistacchio!

Riguardo alle spiagge, il litorale di Pizzo è in gran parte sabbioso, due sono quelle consigliabili per le famiglie con bambini: la spiaggia di Calamaio, o dell’Angitola, spiaggia libera di sabbia fine con un’ampia pineta e alberi di eucalipto e la Spiaggia di Marinella, con lidi attrezzati. A proposito, prima di raggiungere Pizzo, a circa 1 chilometro di distanza dal centro, vi consigliamo una breve sosta a Piedigrotta: una chiesetta all’interno di una grotta, ricca di statue di santi e madonne scolpiti nella roccia.

Parghelia – Spiaggia di Michelino

Con il suo mare cristallino, la sabbia finissima e la suggestiva scogliera, quella di Michelino è l’oasi perfetta per chi ama il contatto più intimo con la natura. Una caletta incontaminata raggiungibile a piedi percorrendo una lunga scalinata, dalla quale è possibile godere di un panorama spettacolare, con lo Stromboli che fa da sfondo.

Il consiglio è quello di lasciare la macchina nella zona residenziale e portarvi tutto il necessario (acqua, cibo e ombrellone), ovviamente lasciando l’eventuale passeggino in auto. La spiaggia è libera, una volta arrivati non troverete alcun servizio o lido (solo un bar che prepara panini all’inizio della discesa), ma solo la bellezza di un luogo unico e incontaminato che vi metterà a contatto con la natura.

spiaggia di michelino costa degli di
Foto di @stranger_trips

Zambrone – Spiaggia Paradiso del Sub

Una delle spiagge più famose di Zambrone, che si raggiunge a piedi seguendo un sentiero sterrato, parcheggiando l’auto nelle vicinanze della stazione ferroviaria (occhio alle multe!), è la spiaggia Paradiso del Sub. Questa spiaggia, chiamata anche Marinella, è raggiungibile in 15 minuti di cammino, tuttavia la sconsigliamo a chi ha bambini troppo piccoli: il sentiero sterrato in alcuni punti è abbastanza ripido e pericoloso ed inoltre la zona sabbiosa è ristretta rispetto alla scogliera. Priva di lidi, ombrelloni ed eccessiva calca, la spiaggia è una vera oasi di pace dove godersi il mare.

migliori spiagge sulla costa degli dei, calabria
Foto di @stranger_trips

Tropea

La perla del Tirreno, si divide in due parti: la parte superiore con l’abitato e una inferiore con il porto e la marina. Il centro storico cade a strapiombo su un mare cristallino, con scorci suggestivi (non perdete il panorama dalla balconata di Corso Vittorio Emanuele!) e piccole piazzette, negozietti di antiquariato e souvenir e la famosa cipolla che adorna i balconi delle case (assaggiatela e fatene scorta per il rientro).

Il litorale sabbioso è bianchissimo e vanta due spiagge unite fra loro attraverso la grotta del Palombaro, sotto l’isola di Santa Maria, dove sorge il Santuario omonimo. Per visitarlo armatevi di pazienza e acqua, ci sono 370 gradini da salire (quindi bandite i passeggini)! Oltre al Santuario, possono essere visitati il giardino e il terrazzo panoramico con un biglietto di ingresso di 2 €.

Come dicevamo, sono due le spiagge principali: la spiaggia della Rotonda, libera ma molto piccola, quindi arrivateci la mattina presto e la spiaggia della Linguata, entrambe sabbiose e con acque limpide e fondali ben visibili. La spiaggia della Linguata ha anche un lido ben attrezzato in cui noleggiare attrezzature da snorkeling, pedalò e canoe. Sono facilmente raggiungibili in auto (si può parcheggiare in prossimità del lungomare) oppure a piedi dal centro storico grazie ad una scalinata.

Dal porto di Tropea, inoltre, partono le minicrociere per le isole Eolie, che anche in una giornata vi permettono di visitare alcune delle isole più belle dell’arcipelago. Per quanto riguarda gli spettacoli naturali vi consigliamo di non perdere i tramonti di Ulisse, quando il sole scende sullo Stromboli, ammirabili per due volte l’anno (in genere fine agosto e aprile) e ogni giorno da un punto diverso durante il periodo primaverile ed estivo. La foto di apertura è un esempio di questo spettacolo!

costa degli dei cosa vedere
Foto di @stranger_trips

Capo Vaticano

In un itinerario di soli 3 giorni, probabilmente non riuscirete a visitare bene le splendide calette con fondali sabbiosi, acqua cristallina e grotte di Capo Vaticano, ma non è possibile non nominarla quando si parla di Costa degli Dei. La località, Bandiera Verde dei Pediatri per il 2019, è un vero e proprio paradiso di calette incontaminate che sorge su un promontorio alto 124 metri dove ammirare una delle viste panoramiche più belle della Calabria.

Una delle più belle e lunghe spiagge di sabbia è la Baia di Riaci. Altre spiagge sono più piccole, con arenili e piccole insenature dove in alcuni casi sono ubicati i resort. Alcune splendide calette, invece, come Praia i Focu e la spiaggia di Grotticelle, sono raggiungibili più facilmente via barca (si può prenotare un passaggio o affittare un proprio mezzo).

le spiagge da non perdere in calabria
Foto di @stranger_trips

In conclusione, ringrazio Giovanni e Rosaria per lo splendido assaggio di Calabria che ci hanno regalato e gli InsolitoTramTravel che ci hanno fatto incontrare con l’iniziativa #AiutiamociAdAiutarci.

 

18 risposte a “Calabria: alla scoperta della Costa degli Dei”

  1. Mi fa piacere leggere questo articolo ….
    Bravi!!
    Mimi

    P.S. a breve leggerai anche il mio sullo stessi argomento!!😂😂
    Siamo telepatiche!

    Buon weekend!

    1. panannablogdiviaggi dice: Rispondi

      Allora non resta che organizzare un viaggetto da quelle parti!

  2. Lo dico da sempre che il sud lo conosco troppo poco, ma non ci voglio venire ad agosto che è preso d’assalto!! Quest’anno vorremmo fare una settimana di mare a giugno, quasi quasi ci facciamo un pensierino! Che bei colori il mare, sembra super pulito! Grazie per tutte le dritte super utili!

    1. panannablogdiviaggi dice: Rispondi

      Sì, il mare è sicuramente pazzesco. Anche noi se possiamo ci muoviamo a giugno o settembre, tutta un’altra vita! E tutt’altri prezzi, diciamocelo. Che per chi ama viaggiare molto, meglio risparmiare e fare un viaggio in più 🙂

  3. Davvero un articolo esaustivo e fatto bene!
    Da brava siciliana, ci sono stata diverse volte ma vorrei approfondire perchè ero molto piccola. Mi piace molto come idea ed effettivamente anche a livello di prezzi mi sembra fattibile 🙂

    1. panannablogdiviaggi dice: Rispondi

      Sì, è un’ottima alternativa per l’estate, ma anche per primavera inoltrata e autunno secondo me!

  4. Bellissima e verde Calabria. Purtroppo ne ho vaghi ricordi di una vacanza spensierata da ventenne nel caos notturno di Tropea. Tornerei indietro volentieri, a quell’età e in Calabria!

    1. panannablogdiviaggi dice: Rispondi

      Chi non tornerebbe a quegli anni 😉

  5. Dalla spiaggia della Marinella ho fatto delle immersioni fantastiche. Ricordo una quantità di pesce incredibile, banchi di acciughe spettacolari e grosse cernie. Credo che la prossima estate percorrerò tutta questa parte di costa 😉

    1. panannablogdiviaggi dice: Rispondi

      Andrete in sidecar? Super!

  6. Di solito non amo molto i posti di mare, ma devo ammettere che ho sognato ad occhi aperti mentre leggevo. Da mamma, poi, ho apprezzato tantissimo i numerosi consigli su come organizzare la visita con bimbi piccoli al seguito. Ora devo solo trovare l’occasione giusta per metterli in pratica 🙂

    1. panannablogdiviaggi dice: Rispondi

      Con i piccoli secondo me hai due opzioni: o non hai problemi di budget e vai in hotel a farti coccolare, o te la giochi in appartamento, con la massima flessibilità! 🙂

  7. Non ho mai visitato la Calabria ma il mare di Tropea mi attira sempre moltissimo! Mi piacerebbe molto fare snorkeling. Si possono noleggiare attrezzature in loco?

    1. panannablogdiviaggi dice: Rispondi

      Certo, fai attenzione a scegliere spiagge attrezzate.

  8. Sono andata diverse volte in Calabria quando ero piccolina, e ricordo bene quanto mi piaceva Capo Vaticano! Ora vorrei tanto tornare in questi luoghi, il tuo articolo suggerisce tanti posti meravigliosi da visitare e da vivere! E questi scatti sono una boccata d’aria fresca! 🙂

    1. panannablogdiviaggi dice: Rispondi

      Sarà bellissimo poter tornare al mare!

  9. Ho il marito calabrese e quel pezzo di costa lo conosco abbastanza bene…bellissimo. Tropea poi è un gioiello! E che dire del colore del mare?

    1. panannablogdiviaggi dice: Rispondi

      Infatti, una zona tutta da scoprire!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.